ART. 8
(Ammissione)
Sono associati dell’associazione le persone fisiche , aziende vivaistiche e Aps che condividono le
finalità e gli scopi associativi e si impegnano per realizzare le attività di interesse generale.
Possono aderire all’associazione altri enti del terzo settore o senza scopo di lucro a condizione che il
loro numero non superi il cinquanta per cento del numero delle associazioni di promozione sociale.
Il numero degli associati è illimitato ma, in ogni caso, non può essere inferiore al numero minimo
richiesto dalla Legge. Se successivamente alla costituzione il numero dovesse scendere al di sotto del
minimo richiesto, l’associazione dovrà darne tempestiva comunicazione all’Ufficio del Registro unico
nazionale ed integrare il numero entro un anno.
L’ammissione all’associazione è deliberata dall’Organo di amministrazione su domanda
dell’interessato secondo criteri non discriminatori, coerenti con le finalità perseguite e le attività
d’interesse generale. La deliberazione è comunicata all’interessato ed annotata nel libro degli
associati.
In caso di rigetto della domanda, l’organo di amministrazione comunica la decisione all’interessato
entro 60 giorni, motivandola.
L’aspirante associato può, entro 60 giorni da tale comunicazione di rigetto, chiedere che sull’istanza
si pronunci l’assemblea in occasione della successiva convocazione.
L’ammissione ad associato è a tempo indeterminato, fermo restando il diritto di recesso.
Non è ammessa la categoria di associati temporanei.
La quota sociale è intrasmissibile, non rimborsabile e non rivalutabile.